"La SAPIENZA nella vita dell'uomo è guida all'IMMORTALITA' per chi la segue....perchè la SAPIENZA si rivela mediante gli stessi Elementi Naturali..."

SOME WORDS ABOUT OUR COMPANY.

Il segreto della longevità: KEFIR di acqua

 Nell´attesa che la scienza metta a punto qualche terapia a base di ingegneria genetica, non vi resta che imitare gli abitanti del Caucaso che da millenni bevono il kefir di acqua.

Forse non lo sapevate, ma uno dei luoghi sulla terra dove la popolazione è più longeva è proprio quella zona che sta tra il Mar Nero e il Mar Caspio. Il segreto? Il kefir di acqua, una semplice bevanda fermentata a base d´acqua che in quelle regioni si beve da millenni. Leggenda metropolitana, direte voi.

E invece illustri studiosi (Prof. Drasek, Prof. Menkiv) tra cui anche un premio nobel il ( Prof. Metchnikov) hanno documentato come gli abitanti delle regioni caucasiche non conoscano tubercolosi, cancro né disturbi intestinali. Merito soprattutto del kefir d’acqua che, stando ai loro studi, guarisce i catarri delle vie respiratorie, i crampi di stomaco, le infiammazioni intestinali croniche, quelle del fegato, i disturbi alle vie biliari e le malattie alla vescica.
Il dottor Bianchi di Cremona afferma che:  il kefir è una bevanda fermentata che contiene lattobacilli bulgarici, streptococchi termofili, lieviti, batteri propionici, anidride carbonica, enzimi vari, alcol etilico, varie vitamine (gruppo B, C, PP) zuccheri semplici, acqua o latte.
Esiste infatti sia un kefir di latte sia un kefir d´acqua: quest´ultimo sembra però avere maggiori proprietà terapeutiche. In virtù dei suoi fermenti il kefir d’acqua funziona da riequilibratore della flora batterica intestinale, impedendo la decomposizione e la putrefazione del bolo nell´intestino.
Questa bevanda stimola quindi il sistema immunitario intestinale con benefici effetti sul sistema immunitario di tutto il corpo, molto meglio di qualsiasi prodotto probiotico in commercio, ultimamente c’è invasione di latticini arricchiti, molte marche per prodotti dai nomi accattivanti e spacciati per elisir di lunga vita. Il kefir di acqua è molto più economico, servono solo pochi ingredienti per una bevanda molto efficace dal gusto gradevole.

Ma che cos’è il KEFIR DI ACQUA?

Sono dei fermenti probiotici che appaiono come dei ghiaccioli gelatinosi che immersi nell’acqua si nutrono principalmente di zucchero trasformandolo in enzimi, vitamine e sali minerali.

Molte sono state le prove in laboratorio per cercare di ricrearlo artificialmente ma nessuna è mai riuscita ad avvicinarsi nemmeno lontanamente al kefir che esiste in natura. Nessuno, per dirla in parole povere si è mai arricchito con il kefir, anzi una leggenda dice che chi vende il kefir, farà diventare cattivo il proprio. Il kefir va esclusivamente regalato.

Se ho 5 cucchiai di kefir dopo 2 giorni ne avrò 5,5 – dopo 4 giorni i cucchiai saranno diventati più o meno 6, dipende molto dalla quantità di zucchero e dalla temperatura.
Se i fermenti sono sani dovrebbe crescere di circa il 5% in 2 giorni. Non abbiate paura di abbondare con lo zucchero, il kefir non fa ingrassare, ogni cucchiaio di fermenti necessita di una dose uguale di zucchero e dopo 36-48 ore è tutto trasformato e come risultato avrete una bevanda gustosissima di circa 200 calorie al litro.

La temperatura ideale per il kefir di acqua è di 18-20 °C,   più caldo tipo 30°C il kefir tenderà a diventare meno granuloso, tipo una pastina da brodo e non crescerà (sintomo che non è effettivamente nel suo ambiente ideale, è per così dire “in sofferenza”), mentre a 10° C sembrano ancora normali però non crescono.

Dove si trova il KEFIR DI ACQUA?

Purtroppo essendo un prodotto che non si commercializza, non si trova nel negozio sotto casa, l’unico sistema è conoscere qualcuno che ce l’ha e farsene dare qualche cucchiaio. In genere le dosi medie sono 3 cucchiai di kefir per ogni litro d’acqua.

Noi di Belluno in questi ultimi anni abbiamo “spacciato” molto kefir in provincia, per chi è più lontano provate a fare una ricerca in internet, qualcosa sicuramente troverete, tipo questo sito: http://incuso.altervista.org/forum/viewforum.php?f=12 .

Soventemente, quando dopo qualche tempo chiedo come va con il kefir, principalmente le risposte negative sono dovute soprattutto per 2 motivi: 1) la bevanda non piace molto agli altri componenti della famiglia, oppure: 2) non ho tempo di farlo tutti i giorni.

Approfondendo entrambi gli argomenti ho scoperto che nel primo caso molti non rispettano le dosi indicate e usano soventemente uno zucchero sbagliato (vedi procedimento per fare un buon kefir d’acqua);
nel secondo caso invece non capisco perché le persone si ostinino a farlo tutti i giorni (24 ore sono un po’ poche per un buon kefir e si rischia di bere acqua e zucchero), va fatto in media una volta ogni 2 giorni e se si beve 1 litro al giorno, basterà farne 2 litri ogni due giorni, ma non 2 bottiglie da 1 litro con doppio lavoro, meglio un vaso da 2 litri. Noi facciamo 1 vasone da 5 litri ogni 36-48 ore, dipende dalle necessità e dalle visite che abbiamo. In genere con 1 vasone da 5 litri, imbottigliamo 4 litri di kefir. Un litro se ne va in fermenti e zucchero (circa 30 cucchiai di kefir e 15 cucchiai pieni di zucchero), normalmente 4 litri ci bastano per un giorno e mezzo, quindi mettendo 2 volte la quantità di kefir rispetto allo zucchero, li facciamo lavorare più velocemente e otteniamo un buon kefir in meno tempo (36 ore circa), poi però ogni tanto vanno fatti riposare con le loro dosi giuste altrimenti tutti i giorni con 30/15 vuol dire stressarli e col tempo non crescono più.

Se andiamo in ferie una settimana o 10 giorni, mettiamo 4-5 cucchiai di fermenti in 5 litri d’acqua con 15-20 cucchiai di zucchero (pochi fermenti con molta pappa) e quando torniamo buttiamo l’acqua del kefir, che dopo una settimana è diventata alcolica come un prosecchino leggero di 5-6°, ma non molto gradevole e rifacciamo il kefir con le dosi giuste. Con il tempo si imparano le dosi a seconda dei propri gusti. Chi lo gradisce più frizzante deve aumentare da 3 a 4/5 cucchiai di fermenti per litro e viceversa.

Ma ora passiamo al procedimento per fare un buon KEFIR DI ACQUA:

KEFIR DI ACQUA 2

Ingredienti per un litro di KEFIR DI ACQUA:

3 o 4 cucchiai di fermenti di Kefir di acqua;
3 cucchiai di zucchero di canna integrale (1);
½ limone biologico;
1 frutto secco (2);

3 o 4 foglie aromatiche fresche (facoltativo)(3).

(1): la scelta dello zucchero per un buon kefir è fondamentale. Non va bene lo zucchero bianco, ma nemmeno uno zucchero troppo grezzo come il PANELA o il MASCOBADO e nemmeno il DULCITA, tutti questi zuccheri lasciano al kefir un cattivo retrogusto (QUESTO CHE STO SCRIVENDO E’ UNICAMENTE IL MIO PARERE PERSONALE, non me ne vogliano le persone che da anni fanno il kefir con uno dei suddetti zuccheri, ognuno poi è libero di modificare gli ingredienti a seconda dei propri gusti). Con il mascobado il kefir diventa scuro e il fondo di liquirizia dello zucchero si trasforma nel kefir in un gusto simile a lievito che impiega anche 1 mese a sparire del tutto. Con il DEMERARA le cose vanno leggermente meglio, ma lo ZUCCHERO GIUSTO è quello di canna integrale chiaro, un po’ più raffinato dello zucchero grezzo scuro e non raffinato come quello bianco.

(2):  in genere d’estate si usa 1 fico secco, in alternativa una prugna secca, d’inverno se si hanno difficoltà a reperire i primi 2 si possono usare anche 2 datteri biologici (in genere io li uso per 2 cicli, sbuccio i 2 datteri precedenti  e ne aggiungo 2 di nuovi = per 4 litri di kefir uso quindi 4 datteri, oppure 2 fichi secchi)

(3): 3 o 4 foglie di menta fresca, oppure melissa (erba limoncella), o verbena (erba luigia), va bene anche mescolate 2 foglie per tipo, qui ognuno può usare la fantasia, alcuni aggiungono anche rosmarino, ma è sempre una questione di gusti. D’inverno non riesco a trovare nulla e quindi non uso nulla.

Preparazione del KEFIR DI ACQUA:

  • Mettere tutti gli ingredienti in un vaso della grandezza desiderata, (il vaso deve avere il coperchio di chiusura con guarnizione, dopo 2 giorni il tappo si apre un po’ in pressione e il kefir è leggermente frizzante),
  • ATTESO dalle 36 alle 48 ORE, aprire il coperchio.
  • Strizzare per prima cosa il succo del limone all’interno del vaso (usare un passino per evitare che ossi e polpa cadano all’interno).
  • Chiudere di nuovo il coperchio e mescolare il kefir al succo di limone, agitando il vaso.
  • Aprire nuovamente il vaso e buttare nel composter: limone, frutto secco e foglie aromatiche.
  • Passare con il colino il kefir e imbottigliare la bevanda.
  • Sciacquare i fermenti all’interno del colino sotto il rubinetto dell’acqua.

RIPETERE IL PROCEDIMENTO CON NUOVI INGREDIENTI.

Fonte: www.alimentazioneconsapevole.net

 

 

Se vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le novità del mondo IME seguici e iscriviti sulle nostre pagine nei principali social network:  
Facebook
Twitter
Linkedin
Google+

Pinterest

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo con i tuoi amici utilizzando i bottoni qui sotto.



Se non l'hai già fatto, che ne diresti di darci un bel [like] su FB?
A te costa solo pochi secondi del tuo tempo, per IME è importante per costruire una comunità che ama viver sano e che parla di benessere e medicine alternative. Per donarci la tua preferenza puoi utilizzare il BOX che trovi sul lato destro di questa pagina.
Grazie mille.

CONTATTI

Sede Legale
Strada della Bruciata, 14/1
60019 Senigalia (AN)

Sede Operativa
Via per Grumello, 32
24127 Bergamo (BG)

P.Iva 02361950419
Tel: +39 0245557057
Fax: +39 0287367795

E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

RICEVI LE NEWS

SEGUICI

 facebook logotwitter
linkedin-logoicona google
pinterest-icon    rss
Ustream-Icon logo youtube
Torna all'inizio!

Al fine di offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo