"La SAPIENZA nella vita dell'uomo è guida all'IMMORTALITA' per chi la segue....perchè la SAPIENZA si rivela mediante gli stessi Elementi Naturali..."

SOME WORDS ABOUT OUR COMPANY.

Consapevolezza alimentare: prepariamoci all'EXPO 2015

 

L’interesse per l’alimentazione consapevole è notevolmente cresciuto negli ultimi anni e per diversi motivi. Lo scandalo della “Terra dei Fuochi” ed i dibattiti politici, economici, sanitari, etici e morali che ne sono seguiti, ma anche la crisi delle risorse ambientali, hanno polarizzato l’attenzione non solo dell’Italia, ma di tutto il mondo, sulla consapevolezza alimentare a tutto tondo.

La consapevolezza alimentare a cui si fa riferimento è intesa non solo come conoscenza della composizione e della provenienza dei cibi, ma anche come profonda empatia e attenzione alle conseguenze di un’educazione alimentare inadeguata e dello sfruttamento improprio delle risorse della nostra terra, non solo su di sé, ma anche per gli altri popoli, per il pianeta e per le generazioni future.

Per tale motivo, la prossima edizione dell’Expo, l’Esposizione Universale nata nel 1851 a Londra e che si terrà a Milano dal 1 maggio al 31 ottobre 2015, è intitolata “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”Expo 2015 sarà la prima esposizione della storia ad essere caratterizzata non solo dall’esposizione di manufatti, ma soprattutto dal dibattito e dall’educazione sull’alimentazione, il cibo e le risorse a livello planetario e Milano è stata scelta in quanto migliore portavoce della tradizione alimentare italiana. Il dibattito è aperto ai cittadini di tutto il mondo e alle scuole, che saranno parte attiva attraverso la proposta dei propri progetti, che verranno poi presentati in uno dei padiglioni tematici dell’esposizione. Uno dei temi su cui gli alunni verranno sensibilizzati è il paradosso della sovralimentazione di alcune porzioni del pianeta e la malnutrizione di altre, che soffrono della scarsità di risorse alimentari.

 http://youtu.be/QCuLELv_DpY

I monaci tibetani, riconosciuti a livello mondiale come i maestri della consapevolezza, hanno fatto di questo concetto, ribattezzato con il nome dimindfulnessla cura della maggior parte dei mali dell’uomo, fra cui la sovralimentazione e i conseguenti danni alla propria persona, oltre che al pianeta in cui viviamo.

Gli approcci orientali basati sulla mindfulness, infatti, hanno nel corso del tempo, acquisito una crescente fama anche in Occidente, grazie alla loro efficacia, validata scientificamente, nel trattamento di un vasto range di disordini della dis-regolazione, inclusi l’ansia, la depressione e le dipendenze. Il Mindfulness-Based Eating Awareness Training, che potrebbe essere tradotto come Training della consapevolezza alimentare basato sulla meditazione di consapevolezza (mindfulness, appunto), si propone come trattamento di punta per la compulsione alimentare e la sovralimentazione.

Il training consiste in 12 sessioni a frequenza settimanale (9 settimane con tre mesi di follow up) della durata di un’ora e mezza ciascuna. Fra una sessione e l’altra, ogni partecipante dovrà svolgere a casa dei compiti, che consistono in sessioni di meditazione audio-guidate, letture ed esercizi comportamentali. Una full immersion, dunque, volta a modificare, giorno dopo giorno, goccia dopo goccia, i meccanismi automatici cristallizzati con cui ci si alimenta. L’innovazione della Mindful Eating è che non ci si concentra sulla perdita di peso di per sé, né sulla privazione di alcuni alimenti ritenuti dannosi o eccessivamente calorici, ma sul divenire più consapevoli dei meccanismi automatici dell’alimentazione inappropriata, tramite l’apprendimento di strumenti adeguati e l’utilizzo del supporto degli altri componenti del gruppo, al fine di ottenere un cambiamento sostenibile e duraturo di tali modalità automatiche.

Il paradosso della Mindful Eating è che mentre tutti gli altri ci dicono cosa non mangiare, nutrizionisti e medici in primis, il training di alimentazione consapevole prevede come materiale per le meditazioni proprio i cibi che maggiormente costituiscono l’innesco della sovralimentazione: patatine, cioccolato, pizza e qualsiasi altro cibo scelto dai partecipanti come “tentatore”. È con questo cibo, dunque, che ci si esercita durante le meditazioni. La Mindful Eating invita il paziente a mangiare, anziché a restringere la propria alimentazione o a bollare alcuni cibi come “vietati”. Gli esercizi di consapevolezza alimentare hanno il merito di focalizzarsi sui segnali di fame e di sazietà, sul riconoscimento della giusta quantità di cibo per sé, sugli inneschi fisici, cognitivi, sociali e ambientali che danno il via alla sovralimentazione o ad un’alimentazione inadeguata. Si tratta di nutrirsi ponendo attenzione a tutti i sensi coinvolti nell’esperienza del mangiare, compreso il cervello ed il cuore, nella loro accezione di connotati cognitivi ed emotivi della compulsione alimentare.

Studi scientifici hanno dimostrato che il 95% dei pazienti che hanno partecipato al training non ha più soddisfatto i criteri del Binge Eating a fine protocollo e ha mostrato un mantenimento a lungo termine del miglioramento di tutti i parametri clinici metabolici che, tipicamente, risultano alterati da un’alimentazione inadeguata.

Tali risultati pongono una riflessione su come la consapevolezza si proponga come chiave di volta per la cura di sé, di contro ai divieti e le prescrizioni che, come dimostrato dal tasso crescente di sovrappeso e obesità, decisamente non funzionano. E l’Expo 2015 è la prova che tutto il mondo se ne è accorto.

Bibliografia:

  • Kristeller, Jean L. and Wolever, Ruth Q. (2011). Mindfulness-Based Eating Awareness Training for Treating Binge Eating Disorder: The Conceptual Foundation,Eating Disorders, 19: 1, 49 — 61
  • Kristeller, Jean L. and Wolever, Sheets V. (2013). Mindfulness-Based Eating Awareness Training (MB-EAT) for Binge Eating: A Randomized Clinical Trial,Mindfulness, 5 : 3 , 282-297

 

Fonte e Copyright: http://www.psicologialavoro.it/

 

Se vuoi rimanere sempre aggiornato su tutte le novità del mondo IME  seguici e iscriviti sulle nostre pagine nei principali social network:  
Facebook
Twitter
Linkedin
Google+

Pinterest

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo con i tuoi amici utilizzando i bottoni qui sotto.



Se non l'hai già fatto, che ne diresti di darci un bel [like] su FB?
A te costa solo pochi secondi del tuo tempo, per IME è importante per costruire una comunità che ama viver sano e che parla di benessere e medicine alternative. Per donarci la tua preferenza puoi utilizzare il BOX che trovi sul lato destro di questa pagina.
Grazie mille.

CONTATTI

Sede Legale
Strada della Bruciata, 14/1
60019 Senigalia (AN)

Sede Operativa
Via per Grumello, 32
24127 Bergamo (BG)

P.Iva 02361950419
Tel/Whatsapp: +39 3929623883

E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

RICEVI LE NEWS

SEGUICI

 facebook logotwitter
linkedin-logoicona google
pinterest-icon    rss
Ustream-Icon logo youtube
Torna all'inizio!

Al fine di offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo