"La SAPIENZA nella vita dell'uomo è guida all'IMMORTALITA' per chi la segue....perchè la SAPIENZA si rivela mediante gli stessi Elementi Naturali..."

Leggi e commenta i post

Candida: non solo per donne... - AIUTI NATURALI PER COMBATTERE LA CANDIDOSI

Acido Caprilico
Noto anche come acido ottanoico, è un acido grasso a corta catena, che si ricava dalle noci di cocco. Dissolve la membrana cellulare della Candida albicans e di altri funghi; viene ben assorbito dall’intestino, distribuendosi poi in maniera uniforme anche nel colon, dove è più comune la colonizzazione da Candida albicans.
Nel settore salutistico l’acido caprilico viene assunto per la sua capacità di dissolvere la membrana cellulare della Candida albicans e di altri funghi, risultando quindi potenzialmente utile nel trattamento della candidosi.
Ideale per l’equilibrio della microflora intestinale. La ricerca scientifica ha evidenziato che i supplementi contenenti probiotici (“fermenti lattici”) costituiscono un’ottima associazione all’acido caprilico per il buon funzionamento del tratto intestinale e nel rafforzare la microflora intestinale in modo da rendere l’organismo più forte contro eventuali ricadute. La loro presenza (pro-biotici = a favore della vita) è assolutamente necessaria per evitare l’eccessivo proliferare di microrganismi dannosi. Potenzialmente utile è anche l’associazione acido caprilico/probiotici, con aglio e curcuma, in modo da produrre un ostacolo sinergico alla proliferazione di candida albicans nel colon.

Allium Sativum (Aglio)
Sono state ampiamente dimostrate le proprietà antifungine, antibatteriche, antiparassitarie ed antivirali.
L’Aglio è un potente antimicotico grazie all’azione dell’allicina; essa causa un blocco completo della sintesi dei lipidi e riduce la capacità di adesione di Candida albicans alle mucose. Altri composti candidicidi sono l’eruboside-B; l’acido ferulico; il geraniolo e il linalolo. Contiene anche fosfo-frutto-olisaccaridi, carboidrati indigeribili dall’uomo, che favoriscono lo sviluppo dei batteri probiotici come gli acidofili. La Candida albicans sistemica e le infezioni vaginali vengono inibite dall’azione dell’aglio, che si rivela in grado di prevenire le recidive a lungo termine, senza creare ceppi resistenti; la sua azione si esplica attraverso il blocco degli enzimi batterici o fungini, grazie alla sua azione sui tioli. Gli estratti di aglio sono in grado di stimolare il sistema immunitario, attivando l’azione delle cellule natural killer, i macrofagi e l’attività delle cellule B nella produzione degli anticorpi. Sarebbe da preferire l’aglio crudo ingerito a mò di compressa, ma a causa del cattivo odore… si può optare per dei buoni integratori alimentari a base di aglio, contenenti allicina.

Lactobacillus Acidophilus
Favorisce la ricolonizzazione da parte dei batteri simbionti dell’intestino, della bocca e della vagina. Promuove un miglioramento dei processi digestivi, attraverso la liberazione di lattasi che intervengono nella digestione degli zuccheri del latte, stimola le difese immunitarie e aiuta ad aumentare la resistenza alle infezioni. Produce acido lattico, perossidi d’idrogeno e acido acetico che promuove una normalizzazione acida dell’intestino ricreando un ambiente idoneo a prevenire le infezioni batteriche. Ci sono evidenze dell’azione dell’Acidophilus nel prevenire o combattere fenomeni diarroici causati da antibiotici, parassitosi o superinfezioni batteriche, attraverso la rigenerazione della flora batterica saprofitaria, riducendo la formazione di gas, il gonfiore e la fermentazione, e la tossicità sistemica causata dalla proliferazione della candida albicans.
L’Acidophilus è battericida per il clostridium botulini, la salmonella e gli stafilococchi. Produce alcune vitamine B, la biotina, la vitamina K, ed enzimi nel tratto intestinale, facilitando i processi di detossificazione. Gli Acidofili sono in grado di produrre batteriocine, chiamate acidofiline, in grado di inibire la proliferazione batterica e fungina e danneggiare le cellule umane alterate (ma non quelle sane): a differenza degli antibiotici, le batteriocine dei batteri probiotici non interferiscono nella sintesi proteica e delle proteine di membrana dei batteri patogeni, ma sono in grado di degradare immediatamente il DNA e RNA microbico, provocando la morte cellulare.

Aloe Barbadiensis
Contiene acemannani che svolgono un’azione cicatrizzante (rapidissimo cicatrizzante nella colite ulcerosa), antinfiammatoria, battericida, immunomodulante e citoprotettrice. Contiene fitormoni, fitoestrogeni, steroli e steroidi vegetali, in grado di promuovere la guarigione dei tessuti e la riparazione cellulare. Attiva la produzione umana in IL-1, TNF-A, IL-6 (di qui probabilmente la sua azione di riparazione delle ulcere). In studi ancora in corso si è dimostrata l’azione immunostimolante nell’AIDS, FIV, NDV, mentre l’effetto antitumorale è stato dimostrato in applicazioni sugli animali. Le viene attribuita un’azione stimolante le interleuchine e l’interferone. Risulta attiva nel trattamento di alcune parassitosi (Leishmaniosi), ed antifungina: la sua azione si esplica su funghi e batteri associati alle tricofitosi, nella Candidosi, nelle infezioni da Stafilococchi e Streptococchi dei Mycobacterium Tuberculosis. Svolge un’azione antivirale nei casi come l’herpes, morbillo e HIV-1, incrementando l’attività delle globuli bianchi che stimolano la produzione di interferone ed interleuchine.

Tea tree oil (olio essenziale di Melaleuca alternifolia)
Questo olio essenziale presenta un’azione antibatterica, antivirale, antinfiammatoria e tonificante, e molto altro. Tanto che esistono alcuni rimedi naturali che la vedono protagonista contro un’infezione genitale, la cosiddetta candida.
Il Tea Tree Oil non è assolutamente tossico e si può combinare con altri rimedi naturali e anche con terapie chimiche e farmacologiche. La candida è un’infezione subdola e a volte può tornare, ma questa sostanza può aiutare a evitarne la ricomparsa, purché si stia attente a non autocontagiarsi una volta che la si è contratta. Il primo modo per usare il Tea Tree Oil contro la candida è attraverso una lavanda vaginale interna, con tre gocce di sostanza diluita in acqua calda. Le lavande possono essere accompagnate dall’assunzione di Tea Tree Oil per bocca: vanno sciolte sempre tre-cinque gocce in una bottiglia d’acqua da mezzo litro, che va centellinata durante il giorno e accompagnata da una dieta priva di lieviti, zuccheri raffinati e latticini. Un’altra cura a base di Tea Tree Oil contro la candida consiste sempre in tre gocce diluite in acqua calda da usare come lavanda, accompagnate dall’assunzione per bocca di estratto di semi di pompelmo in acqua prima dei pasti. Questi rimedi possono essere uniti anche a un’assunzione a base di fermenti lattici. Questo rimedio è preferibile, dietro consiglio medico, nelle fasi più acute dell’infezione, insieme con altre terapie. Ci si deve preparare una lavanda calda con limoni bolliti, acqua e Tea Tree Oil, ma anziché usarla direttamente sulla pelle, i genitali vanno esposti al vapore per una decina di minuti oppure finché il proprio corpo e il dolore che potrebbe causare questo rimedio lo consentono. Non ci si deve sciacquare e si deve evitare se si hanno ferite, anche in fase di cicatrizzazione, o si è in gravidanza. Il rimedio (ma vale anche per tutti gli altri) va ripetuto per una decina di giorni, durante i quali vanno assolutamente vietati i rapporti sessuali, per la possibilità di contagio. Sarebbe anzi auspicabile che in casi di infezione da candida che i trattamenti siano essi naturali o farmacologici vadano effettuati da entrambi i partner.

Curare la Candida con il Metodo Ruffini
http://www.scienzaeconoscenza.it/articolo/curare-candida-metodo-ruffini-ipoclorito-sodio.php
Il METODO RUFFINI è un trattamento dermatologico ad uso topico (esterno), non sistemico (interno) per la cura di patologie dermatologiche attraverso l’uso di Ipoclorito di Sodio calibrando le percentuali tra il 6% e il 12%.
Applicando l’Ipoclorito di Sodio così come spiegato nel Metodo del Dottor Gilberto Ruffini, si riesce ad aver ragione di una infinità di patologie legate alla pelle. Il prodotto non va mai ingerito né iniettato!
Un rimedio rapido, efficace e a basso costo per micosi, herpes, afte, psoriasi (prurito), forfora e tante altre patologie dermatologiche.
L’ipoclorito di sodio è altamente tossico per molti vari tipi di virus, batteri, funghi, parassiti.
Usato con una concentrazione tra il 6% e il 12%, è in grado di ELIMINARE il codice genetico del patogeno.
Per saperne di più: www.metodoruffini.it

Lavaggio delle parti intime con il Metodo Ruffini
Il 6% fino al 7,5% è un range terapeutico dentro cui ed indifferentemente, trovano indicazioni ed idoneità, tutte le mucose corporee : orali (nel cavo orale occorre uno sciacquo) e genitali, ano compreso.
TABELLA DILUIZIONI IPOCLORITO DI SODIO PURO AL 14% SU 100 ML (in farmacia)
(usare un contenitore graduato)

6% = 45ml di ipoclorito e 55ml di acqua
7% = 50ml di ipoclorito e 50ml di acqua
7,5% = 55ml di ipoclorito e 45ml di acqua

Lavaggio esterno: Per quanto riguarda l’ano, l’ipoclorito non va introdotto nel canale, ma va lavata solo la parte esterna. Sopra il Pube, Pene, Glande, Scroto o Vulva con grandi e piccole labbra comprese basta bagnare, lo stesso sopra il Perineo.
Nel canale vaginale, va fatto un lavaggio interno con una siringa precedentemente privata dell’ ago.

******

Lavaggio interno (solo per femmine):
Con siringa senza ago, riempita di Ipoclorito di Sodio al 6% fino al 7,5% introdurre 3cc o più nel canale vaginale, trattenere per i soliti 40-50 secondi poi rilasciare con calma e sciacquare con acqua di rubinetto tiepida.
Così facendo, si ha:
1. Immediata scomparsa degli HPV presenti (tutti i tipi), e virus herpetici
2. Scomparsa dei funghi (Candida)
3. Scomparsa del prurito (fino s’ intende, a nuove infezioni sempre possibili).
Una volta sola è più che sufficiente.
* Avvertenza : non dimenticare di mettere i salva slip per almeno 2 ore in quanto l’ Ipoclorito scolora.

******

Lavaggio esterno (per maschi e femmine):
Usare Ipoclorito di Sodio al 6% o 7,5% per un lavaggio ai genitali esterni: Pene, Glande, Scroto o Vulva con grandi e piccole labbra, Pube, Perineo con Ano compreso (non introdurre, lavare solo parte esterna), nonostante possibili brevi bruciori soprattutto all’ Ano se presenti Ragadi o noxe infiammatorie varie concomitanti.
Ogni 2 mesi va bene come disinfezione generica.
* Avvertenza : non dimenticare di sciacquarsi bene con acqua e sapone in quanto l’ Ipoclorito scolora.
Nel canale vaginale, invece, come già detto va fatto un lavaggio interno con siringa senza l’ago.

NOTE: Il prodotto va usato a temperatura ambiente. Aumentando la temperatura di applicazione si avranno vantaggi supplementari : ogni 10°C di incremento, a non più di 35°, l’ipoclorito aumenta la sua forza antimicrobica, antivirale e antifungina del 50% (basta tenere in mano la boccetta per qualche minuto. Oppure tenerne solo la parte occorrente – in quanto il prodotto al fresco – vicino a caloriferi per un quarto d’ora oppure vicino al forno acceso oppure ad una stufetta … Oppure a bagnomaria in acqua calda – non bollente – non nel microonde…)

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo con i tuoi amici utilizzando i bottoni qui sotto.



Se non l'hai già fatto, che ne diresti di darci un bel [like] su FB?
A te costa solo pochi secondi del tuo tempo, per IME è importante per costruire una comunità che ama viver sano e che parla di benessere e medicine alternative. Per donarci la tua preferenza puoi utilizzare il BOX che trovi sul lato destro di questa pagina.
Grazie mille.

Fonte

CONTATTI

Sede Legale
Strada della Bruciata, 14/1
60019 Senigalia (AN)

Sede Operativa
Via per Grumello, 32
24127 Bergamo (BG)

P.Iva 02361950419
Tel/Whatsapp: +39 3929623883

E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

RICEVI LE NEWS

SEGUICI

 facebook logotwitter
linkedin-logoicona google
pinterest-icon    rss
Ustream-Icon logo youtube
Torna all'inizio!

Al fine di offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo